rete Mier

News

 Flash News
  • Nessun articolo trovato

No alla reclusione prima del rimpatrio

No alla reclusione prima del rimpatrio
giugno 08
14:01 2016

La Corte di Giustizia europea boccia la prassi di alcuni Stati di recludere gli immigrati prima di rimpatriarli. La «direttiva rimpatri», infatti, non prevede che un cittadino di un Paese non Ue, prima di essere sottoposto alla procedura di rimpatrio, possa essere recluso per il solo motivo del suo ingresso irregolare nel territorio di uno Stato europeo attraverso una frontiera interna dello spazio Schengen.

Il chiarimento arriva con la sentenza nella causa C-47/15 relativa a una donna di nazionalità ghanese che era stata fermata dalla polizia francese al punto di ingresso del tunnel sotto la Manica, mentre si trovava a bordo di un autobus proveniente da Gand (Belgio) e diretto a Londra (Regno Unito). La donna era stata sottoposta, in un primo tempo, a fermo di polizia per ingresso irregolare nel territorio francese, poi le autorità francesi avevano chiesto al Belgio di riammetterla nel suo territorio.

La direttiva consente, invece, la reclusione di un extracomunitario nel caso in cui egli sia stato precedentemente sottoposto al rimpatrio volontario ma nonostante questo continui a soggiornare in modo irregolare nel territorio dello Stato membro senza giustificato motivo.
In assenza di partenza volontaria, la direttiva obbliga gli Stati membri a procedere all’allontanamento forzato attraverso misure «il meno possibile coercitive». Solo quando l’allontanamento rischia di essere compromesso, lo Stato membro può ricorrere al trattenimento dello straniero per una durata che non può in nessun caso superare i 18 mesi.

ilsole24ore.com

Condividi

Info Autore

redazione

redazione

La rete MIER è un network, che raccoglie le testate, i siti web, le iniziative radiofoniche e televisive di comunicazione, realizzate da cittadini di origine straniera o gruppi misti nella Regione Emilia Romagna. L’ obiettivo della rete MIER è la promozione de la comunicazione interculturale come strumento di crescita civile per lo sviluppo di una società inclusiva. Forte della sua rete di collaboratori ed esperti diffusa al livello territoriale, la rete MIER opera nel settore della comunicazione, dell’ editoria e dell’ organizzazione di eventi tutti a valore aggiunto per le istituzioni, imprese ed associazioni.

Articoli correlati

0 Commenti

Non c'è ancora nessun commento.

Non ci sono commenti per ora, vuoi aggiungere uno?

Scrivi un commento

Scrivi commento

Trovaci su Facebook

Iscriviti alla Newsletter

Spazio pubblicitario

Categorie

Twitter