rete Mier

News

 Breaking News
  • No posts were found

Appello al voto: 6000 lettere per i capifamiglia

Appello al voto: 6000 lettere per i capifamiglia
maggio 26
00:42 2015

Due giornate intense di lavoro sono state quelle che nella scorsa settimana hanno visto alcuni candidati, cittadini volontari e  richiedenti asilo, accolti a Forlì dal Progetto SPRAR, imbustare le oltre 6000 lettere (tradotte in ben sette differenti lingue), inviate ai capifamiglia immigrati, per sensibilizzare ed informare la comunità degli elettori circa l’importanza e sulla funzione del Consiglio, nonché sul significato più ampio del diritto di voto.. La “maratona epistolare” ha visto tutti partecipare con un coinvolgente entusiasmo, mentre tra una lettera e l’altra ci si scambiava qualche riflessione politico sociale e si rispondeva a qualche domanda della nostra redazione. E’ proprio il tema della sensibilizzazione ad essere il fulcro delle parole di Diop Mbaye (nella foto), capolista del gruppo Vivere insieme nella diversità: “Sto cercando di coinvolgere il più possibile i miei concittadini senegalesi, soprattutto perché non avevamo rappresentanti nel precedente Consiglio.

Io e i miei amici candidati siamo molto impegnati in questa fase di campagna elettorale e, devo ammettere, siamo anche ottimisti. E’ la mia prima candidatura, ma ho sempre voluto dare il mio contributo, affinché la nostra realtà possa essere giustamente rappresentata all’interno delle istituzioni.” Anche l’aspetto della socializzazione è stato messo in risalto da due delle candidate della lista “United African Group”, già coinvolte nella vita politica dei loro Paesi d’origine (la Nigeria e il Camerun). L’ex Presidente della Consulta uscente, Salifou Gamene, è intervenuto spiegando quanto la sua esperienza nel Consiglio sia stata costruttiva e quanto sia fondamentale che le esigenze, le problematiche e le istanze dei cittadini stranieri possano trovare spazio, voci e soluzioni.

Per quanto concerne le modifiche apportate dal nuovo Regolamento comunale, Ghizela Florei, ex membro del Consiglio e Presidente di un’associazione rumena forlivese, ha sottolineato quanto le responsabilità dell’organo che verrà costituito con le prossime elezioni saranno più pregnanti. Gran parte dei cittadini candidati nelle otto liste presentate sono ragazzi giovani e, spesso, appartenenti alla seconda generazione di immigrati. Alcuni di loro si sono sentiti in dovere di mettere la propria esperienza, le proprie facoltà e risorse, spesso costruite quasi interamente in Italia, al servizio della comunità straniera, senza distinzioni interne di sorta.

Alessandra Simone  (Segni e Sogni)

About Author

redazione

redazione

La rete MIER è un network, che raccoglie le testate, i siti web, le iniziative radiofoniche e televisive di comunicazione, realizzate da cittadini di origine straniera o gruppi misti nella Regione Emilia Romagna. L’ obiettivo della rete MIER è la promozione de la comunicazione interculturale come strumento di crescita civile per lo sviluppo di una società inclusiva. Forte della sua rete di collaboratori ed esperti diffusa al livello territoriale, la rete MIER opera nel settore della comunicazione, dell’ editoria e dell’ organizzazione di eventi tutti a valore aggiunto per le istituzioni, imprese ed associazioni.

Related Articles

0 Comments

No Comments Yet!

There are no comments at the moment, do you want to add one?

Write a comment

Write a Comment

Spazio pubblicitario

Categorie

Twitter