rete Mier

News

 Breaking News
  • No posts were found

Francia: Adozioni internazionali calate del 70%

Francia: Adozioni internazionali calate del 70%
febbraio 12
11:52 2015

L’adozione internazionale è un fenomeno sempre più in crisi. E non solo in Italia, dove nel 2013 sono stati 2.291 i bambini stranieri adottati, in calo del 7.2% rispetto ai 2.469 del 2012, ma anche in Francia, dove il calo è stato ancora più evidente. Infatti tra il 2005 ed il 2014 il numero di adozioni internazionali portate a termine sono passate da 4.136 a 1.069, ossia il 70% in meno, come riporta La Croix.

In termini di età sempre meno sono le adozioni di bambini al di sotto dei due anni, mentre crescono quelle di minori maggiori di 5 anni, di fratelli o di bambini affetti da una patologia. In Francia queste categorie rappresentano il 63% del totale. – La tendenza al ribasso non è nuova, ma colpisce il forte decremento riscontrato negli ultimi anni.

Diverse sono le cause riconducibili al fenomeno, innanzitutto le difficoltà crescenti nell’ottenere un’adozione internazionale che “non è più quella che era prima – constata Odile Roussel, capo della missione per l’adozione internazionale (Mai) francese – I candidati devono essere coscienti del fatto che il processo è più lungo e più difficile che in passato”, infatti sono ben 18 mila le pratiche in corso di validazione.

Una volta ottenuto il lasciapassare ci vogliono circa tre anni per ottenere il bambino in adozione, ma si tratta di tempi stimati che possono prolungarsi enormemente. “In Cina bisogna tenere in conto dai sette agli otto anni per adottare un bambino di meno di due anni in buona salute” dichiara Roussel. E questi tempi così dilatati non permettono a determinati candidati – coppie anziane, persone non sposate – di portare a termine le pratiche.

Altri elementi rilevanti riguardano i Paesi stessi da cui arriva il flusso più alto di bambini in adozione (Africa 37%, Asia 29%, Europa 22%): negli ultimi anni il calo della mortalità ed il miglioramento delle condizioni di vita hanno ridotto il numero di orfani; la minore stigmatizzazione delle nascite “illegittime” ha portato ad un numero più basso di abbandoni; mentre lo sviluppo delle politiche sociali e familiari nei Paesi coinvolti ha portato ad una maggiore attenzione e presa in carico da parte dei Paesi di appartenenza stessi. Inoltre, rileva Roussel, sempre più Paesi firmano la Convenzione dell’Aia che rendono le condizioni dell’adozione più severe e favoriscono le adozioni interne, privilegiando il Paese di appartenenza del minore.

www.redattoresociale.it

About Author

redazione

redazione

La rete MIER è un network, che raccoglie le testate, i siti web, le iniziative radiofoniche e televisive di comunicazione, realizzate da cittadini di origine straniera o gruppi misti nella Regione Emilia Romagna. L’ obiettivo della rete MIER è la promozione de la comunicazione interculturale come strumento di crescita civile per lo sviluppo di una società inclusiva. Forte della sua rete di collaboratori ed esperti diffusa al livello territoriale, la rete MIER opera nel settore della comunicazione, dell’ editoria e dell’ organizzazione di eventi tutti a valore aggiunto per le istituzioni, imprese ed associazioni.

Related Articles

0 Comments

No Comments Yet!

There are no comments at the moment, do you want to add one?

Write a comment

Write a Comment

Spazio pubblicitario

Categorie

Twitter