rete Mier

News

 Breaking News
  • No posts were found

Come si finisce nei guai con un “like”

Come si finisce nei guai con un “like”
febbraio 24
11:24 2015

Un operaio pakistano che prestava servizio volontario in Croce verde e che nel tempo libero avrebbe cliccato qualche “like” di troppo su contenuti Facebook riconducibili al jihad. Un saldatore marocchino-brianzolo, adorato da amici e colleghi; il cui legame col terrorismo internazionale si sarebbe invece palesato su twitter, dove esaltava le pretese virtù di giustizia sociale dello Stato islamico. Uno studente turco della Normale di Pisa, ragazzo prodigio della fisica dei buchi neri con qualche evidente squilibrio psichico: tra un’equazione differenziale e l’altra, inviava missive ai governi d’Italia e Stati Uniti, minacciando di farsi esplodere e definendosi “jihadista pagano, alla maniera di Nietzsche”.

Ci sono anche loro nell’elenco dei sospetti terroristi espulsi dall’Italia. Che si sia trattato d’isteria o ragion di stato toccherà alla giustizia italiana stabilirlo; ma è certo che il confine tra le due tende ad assottigliarsi quando in ballo c’è la sicurezza nazionale. E se lo studente era considerato quantomeno eccentrico, gli altri due provvedimenti sono stati fulmini a ciel sereno per amici e familiari, che da un mese ripetono che quei ragazzi sono finiti al centro di un clamoroso equivoco.

A Civitanova, Marche, Faqir Ghani ci è arrivato con la famiglia nel 2003, a 14 anni. Nella cittadina maceratese ha stretto amicizie, lavorato in un calzaturificio e si è dedicato al volontariato. I colleghi della Croce verde raccontano che quel ragazzo, che aveva amici di ogni confessione, era diventato un punto di riferimento per loro. “Per i volontari più giovani – ha dichiarato la segretaria Annarita Badalini all’indomani del rimpatrio – era un fratello maggiore: uno di loro è stato qui poco fa e se n’è andato in lacrime. O non abbiamo capito nulla noi o si è trattato di un grosso errore”.

Non la pensavano così al ministero degli Interni, dove il 19 gennaio è stato firmato il decreto d’espulsione. “La polizia lo ha prelevato al lavoro – ricorda l’avvocato Maurizio Nardozza – e in meno di 24 ore era già in Pakistan. Gli atti sono secretati, quindi non sappiamo di cosa sia accusato: da una nota ministeriale sembra che avrebbe condiviso su Facebook materiale legato al terrorismo islamico. Faqir non ha smentito, ma ha respinto ogni simpatia jihadista. È stato un duro colpo per la famiglia, non li ha nemmeno potuti salutare”.

Diverso è il caso di Oussama Kachia, marocchino 34enne che da 21 anni viveva e lavorava a Brunello, piccolo centro del Varesotto. A quanto pare l’’uomo era molto benvoluto in paese: la mattina del 6 febbraio, il suo datore di lavoro si è precipitato in questura in lacrime, chiedendo lumi sul provvedimento. Agli agenti che lo rimpatriavano, Kachia non ha negato le sue simpatie per l’Isis: su twitter ne esaltava le virtù con una veemenza quasi naif, ma più che un militante si è definito “un reporter di seconda generazione”. Per la questura di Varese, al contrario, si tratterebbe di un individuo “potenzialmente plagiabile da soggetti intenzionati ad arrecare pericolo allo Stato Italiano”.

Secondo Guido Savio, avvocato dell’Associazione studi giuridici sull’immigrazione, lo Stato avrebbe agito nel pieno delle sue prerogative: “L’articolo 13 del testo unico sull’immigrazione e il decreto legge del 2005 per la prevenzione del terrorismo internazionale – spiega – danno al Ministro dell’Interno la facoltà di espellere uno straniero qualora sussistano ragioni di sicurezza. Si tratta di un atto politico, generalmente utilizzato quando qualcuno viene trovato ”con le mani nella marmellata”, senza che lo stato abbia però nulla di concreto contro di lui: perchè, se le prove ci fossero, va da sè che non lo manderebbero a casa, ma in carcere. Tanto è vero che il ministero, avendo facoltà di secretare gli atti, non è tenuto a produrre prove o capi di imputazione” Secondo Savio, provvedimenti di questo genere vengono adottati, in media, “tra le cinque e le dieci volte l”anno”. Solo tra dicembre e febbraio, però, almeno 11 stranieri sono stati espulsi con la stessa procedura: si tratta di asiatici, nordafricani o balcanici che, secondo il ministero, cercavano di raccogliere denaro, proseliti o contatti per il fronte siriano. Ma che, in qualche caso, si sarebbero “limitati” all’attività sui social network: come Usman Rayen Khanein, 22enne pakistano-bolzanino che avrebbe attirato l’attenzione degli inquirenti perchè sul suo profilo Facebook, campeggiava una bandiera dello Stato islamico.

Che la Siria sia “la madre di tutti i problemi” lo ripete da tempo il giornalista Amedeo Ricucci, lunga carriera da inviato della Rai, che alla nascita dell’Isis ha idealmente assistito nell’aprile del 2013, durante la sua prigionia nel nord del paese, quando la brigata qaedista che lo teneva in ostaggio passò sotto il vessillo della nuova organizzazione. “Per tre anni – spiega – i media e la società italiana si sono ampiamente disinteressati di quanto accadeva in Siria: poco o nulla si è detto dei bombardamenti di regime o dei siriani che tornavano in patria per combattere contro Assad, non diversamente da quanto accadeva in Spagna nel ’36. Il risultato è che, ad esempio, oggi siamo incapaci di distinguere il concetto di terrorista da quello di foreign fighter e non abbiamo gli strumenti per inquadrare il contesto da cui il nuovo terrorismo emerge. Di fatto, l’arrivo del jihad a casa nostra ci ha colti largamente impreparati; e il rischio ora, soprattutto da parte dei media, è di alimentare un clima di isteria che non aiuta, in primo luogo, l’azione delle forze di sicurezza”.

(www.redattoresociale.it)

About Author

redazione

redazione

La rete MIER è un network, che raccoglie le testate, i siti web, le iniziative radiofoniche e televisive di comunicazione, realizzate da cittadini di origine straniera o gruppi misti nella Regione Emilia Romagna. L’ obiettivo della rete MIER è la promozione de la comunicazione interculturale come strumento di crescita civile per lo sviluppo di una società inclusiva. Forte della sua rete di collaboratori ed esperti diffusa al livello territoriale, la rete MIER opera nel settore della comunicazione, dell’ editoria e dell’ organizzazione di eventi tutti a valore aggiunto per le istituzioni, imprese ed associazioni.

Related Articles

0 Comments

No Comments Yet!

There are no comments at the moment, do you want to add one?

Write a comment

Write a Comment

Spazio pubblicitario

Categorie

Twitter