rete Mier

News

 Breaking News
  • No posts were found

Bologna: inaugurato l’help center in stazione

Bologna: inaugurato l’help center in stazione
febbraio 26
15:25 2015

848 accessi effettuati da 359 persone solo nei primi due mesi di attività, una media di 14 al giorno per 22 ore di sportello settimanale. Sono questi i primi numeri del nuovo Help Center aperto in Stazione Centrale. Uno spazio di 33 m² messo a disposizione da Rfi, Rete ferroviaria italiana, situato nel piazzale est della stazione.
Un servizio, questo, di prossimità dedicato alle persone senza fissa dimora che passano da lì, senza vincoli di residenza e non necessariamente stanziali sul territorio di Bologna.

Lo sportello, aperto su mandato di Comune, Fs italiane e Asp, è gestito dalla cooperativa sociale La Strada di Piazza Grande. L’ufficio è stato aperto il 15 dicembre 2014; il 26 febbraio è avvenuta l’inaugurazione ufficiale. “In linea generale, la persona che si rivolge all’Help Center è un uomo tra di 30 e i 40 anni, prevalentemente di origine straniere – spiega Ilaria Avoni, 29 anni, una dei tre operatori chiamati a gestire lo spazio –. Ma sono diversissimi i profili che incontriamo, e per ognuno di loro cerchiamo un percorso preciso”. Su 359 persone, 51 sono donne (14 per cento), 307 sono uomini (86%), e un’unica persona si è dichiarata transgender (da maschio a femmina).

“Nella maggior parte dei casi è stata data la possibilità di accedere a un posto letto in Piano freddo in strutture con accoglienza allargata – continua Ilaria, con alle spalle un tirocinio presso i servizi bassa soglia e tanto volontariato in carcere –. In qualche situazione è stato previsto un percorso mirato, considerate le fragilità legate a questioni sanitarie e/o anagrafiche”. Sul totale, 8 persone hanno più di 65 anni. Sono state intercettate 8 persone con un’invalidità certificata. Fra tutte le persone ascoltate, 108 hanno segnalato una problematica sanitaria che va dall’ipertensione alla cardiopatia, dal mal di denti al diabete. Delle 359 persone totali, 196 sono stranieri non comunitari (55 per cento) e di questo 109 sono in possesso di un regolare permesso di soggiorno, mentre 35 sono sicuramente senza documenti. Di 52 persone non è stato possibile verificare la regolarità. I Paesi di origine in prevalenza sono: Italia, Marocco, Romania, Tunisia e Pakistan.

Lo sportello, insomma, si rivolge ad adulti in condizioni di grave emarginazione sociale, senza un’abitazione stabile, con difficoltà economiche, sanitarie o relazionali: “Chiediamo che le persone si rivolgano a noi direttamente, senza filtri: devono solo aspettare il proprio turno. Non sono richiesti né documenti, né invii da parte di altri servizi sociali”, dice Francesca Spinato, 25 anni, educatrice esperta nell’approccio di persone che vivono in strada –. Loro vengono da noi, non andiamo a cercarli. E poi inizia il passaparola. Funzioniamo grazie alla grande collaborazione con tutte le strutture del territorio”.

L’obiettivo è quello di costruire un progetto temporaneo, che permetterà all’Help center e alla persone di decidere insieme il da farsi. La risposta non sarà standard: molti partiranno per andare altrove, magari in cerca di lavoro, per tornare dalle proprie famiglie o nel Paese d’origine; coloro che sceglieranno di rimanere sul territorio saranno aiutati a farlo nel migliore dei modi, con un accompagnamento iniziale.

L’Help center di Bologna – inserito nella rete di Onds, l’Osservatorio nazionale sul disagio e la solidarietà nelle stazioni italiane (che riunisce 15 centri in Italia) – è situato vicino al binario 4 tronco est. È aperto tutti i giorni dell’anno, dal lunedì al venerdì dalle 16 alle 19.30, il sabato e i festivi dalle 17 alle 19.30.

About Author

redazione

redazione

La rete MIER è un network, che raccoglie le testate, i siti web, le iniziative radiofoniche e televisive di comunicazione, realizzate da cittadini di origine straniera o gruppi misti nella Regione Emilia Romagna. L’ obiettivo della rete MIER è la promozione de la comunicazione interculturale come strumento di crescita civile per lo sviluppo di una società inclusiva. Forte della sua rete di collaboratori ed esperti diffusa al livello territoriale, la rete MIER opera nel settore della comunicazione, dell’ editoria e dell’ organizzazione di eventi tutti a valore aggiunto per le istituzioni, imprese ed associazioni.

Related Articles

0 Comments

No Comments Yet!

There are no comments at the moment, do you want to add one?

Write a comment

Write a Comment

Spazio pubblicitario

Categorie

Twitter