rete Mier

News

 Breaking News
  • No posts were found

Rom e Sinti: non cercare la differenza dove non c’è

Rom e Sinti: non cercare la differenza dove non c’è
gennaio 29
12:51 2015

Cinquantamila firme: è l’obiettivo dei promotori della proposta di legge di iniziativa popolare per il riconoscimento della minoranza storico-linguistica dei Rom e dei Sinti, presentata il 27 gennaio scorso alla Camera. L’intento è realizzare gli articoli 3 e 6 della Costituzione che prevedono l’uguaglianza davanti alla legge e la tutela di tutte le minoranze linguistiche con apposite norme.

Obiettivo principale è quello di contrastare discriminazione e pregiudizio che sono causa della scarsa integrazione nella società e della marginalizzazione sociale ed economica di Rom e Sinti, tutelare il patrimonio linguistico-culturale con istituti analoghi a quelli previsti dalla 482/1999 per tutte le altre minoranze, diritto allo studio e all’insegnamento della lingua, diffusione della cultura e delle tradizioni storico-letterarie e incentivare e tutelare le associazioni rom e sinti, in conformità alla libertà di associazione pervista dall’articolo 18 della Costituzione.

“In Italia, Rom e Sinti sono circa 150 mila, oltre la metà dei quali sono cittadini italiani, ma ciononostante continuano a essere considerati come ‘estranei’ e ‘nomadi’”, è stato detto durante la conferenza stampa. “Una cornice normativa serve”, ha affermato il senatore Francesco Palermo, già estensore di un disegno di legge per il riconoscimento della minoranza rom e sinti.

“Gli orrori del passato continuano a essere presenti e minacciati le società libere”, ha commentato Rita Bernardini, segretario dei Radicali Italiani, che ha puntato il dito contro le “condizioni disumane” in cui vengono tenuti i Rom nella città italiane. “C’è una componente di ostilità etnica che motiva le politiche di segregazione che vengono attuate all’interno dei sistemi democratici”, ha affermato il senatore Luigi Manconi, presidente della Commissione diritti umani del Senato.

Proprio su questa strada è stata messa in atto una campagna di comunicazione e tre giorni di attività organizzati dal Comune di Bologna con il contributo di progetti europei per contrastare pregiudizi e stereotipi intorno a Rom e Sinti. Dal 27 gennaio, infatti, lungo le strade della città di Bologna e nei luoghi pubblici saranno affissi una serie di manifesti riassunti dallo slogan ‘Non cercare la differenza dove non c’è’. Poi dal 5 al 7 febbraio toccherà a ‘Residenza rom sinti’, tre giorni di attività per conoscere più da vicino queste comunità.

“Sono due occasioni insieme – ha detto l’assessore al Welfare del Comune di Bologna Amelia Frascaroli – ‘Residenza Rom e Sinti’ è un pacchetto di iniziative nel quale presentiamo quello che è stato prodotto in questi anni. Tre giorni per rendere visibili le cose che sono state fatte. La campagna pubblicitaria rende invece conto delle diversità e delle vicinanze con queste comunità”.

‘Non cercare la differenza dove non c’è’ punta non sul nascondere le differenze o l’omologazione, ma invita a trovare quelle he sono continuità, ritraendo momenti di vita delle comunità Rom e Sinti in cui tutti si possono riconoscere. ‘Residenza Rom e Sinti’ invece propone alla città tre giorni di attività negli spazi di Aterliersi in via San Vitale per comprendere la ricchezza e la complessità di percorsi esistenziali e progetti professionali che dimostrano la possibilità di concepire l’integrazione non come assimilazione forzata.

About Author

redazione

redazione

La rete MIER è un network, che raccoglie le testate, i siti web, le iniziative radiofoniche e televisive di comunicazione, realizzate da cittadini di origine straniera o gruppi misti nella Regione Emilia Romagna. L’ obiettivo della rete MIER è la promozione de la comunicazione interculturale come strumento di crescita civile per lo sviluppo di una società inclusiva. Forte della sua rete di collaboratori ed esperti diffusa al livello territoriale, la rete MIER opera nel settore della comunicazione, dell’ editoria e dell’ organizzazione di eventi tutti a valore aggiunto per le istituzioni, imprese ed associazioni.

Related Articles

0 Comments

No Comments Yet!

There are no comments at the moment, do you want to add one?

Write a comment

Write a Comment

Spazio pubblicitario

Categorie

Twitter