rete Mier

News

 Breaking News
  • No posts were found

“Link”: lo sportello per neomaggiorenni “fuorifamiglia”

“Link”: lo sportello per neomaggiorenni “fuorifamiglia”
gennaio 15
09:16 2015

Dopo Rimini e Bologna, il servizio apre a Ravenna. Obiettivo? Sostenere i giovani “care leavers” nel percorso verso l”autonomia dopo la comunita” o l”affido: trovare casa, lavoro, aprire un conto in banca. Inaugurazione il 22 gennaio (RED.SOC.)

Per i ragazzi che hanno vissuto un periodo più o meno lungo ”fuori famiglia”, ovvero in comunità di affido o casa-famiglia, diventare maggiorenni non è semplice. Per accompagnarli in questa delicata fase di passaggio l’associazione Agevolando – la prima costituita in Italia da ragazzi che hanno vissuto parte della loro infanzia o adolescenza lontano dalla famiglia di origine – ha promosso lo ”Sportello del neomaggiorenne”. Dopo Rimini e Bologna (aperti nel 2013), l”iniziativa arriva anche a Ravenna grazie alla collaborazione con il Centro Giovani Quake, la cooperativa sociale Il cerchio, l’Informagiovani e il Comune di Ravenna.

“Link non è il classico sportello di orientamento – racconta Federico Zullo, presidente di Agevolando – ma un luogo di aggregazione e un punto di riferimento sul territorio per giovani che, appena usciti dalla comunità, o al termine del percorso di affido, non hanno una famiglia a cui tornare, la cui famiglia è ancora in difficoltà o che frequentano compagnie poco raccomandabili”.

Obiettivo dello sportello – che a Ravenna si chiama ”Link” – è, infatti, quello di proseguire l’accompagnamento per i giovani che non possono contare su un nucleo familiare di riferimento, prendersi cura di loro e sostenerli in maniera graduale e protetta verso l’autonomia, nel tentativo di renderli cittadini attivi. Tutto ciò senza sostituirsi ai servizi esistenti, ma mettendosi in rete con questi e creando sinergie positive.

Al 31 dicembre 2012 in regione sono poco più di 2.400 i ragazzi ”fuori famiglia”, di cui 1.194 in comunità residenziale senza la madre e 1.230 in affidamento a tempo pieno (eterofamiliare e parentale), con un tasso ogni 1.000 minori residenti pari a 3,4 (dati Osservatorio infanzia e adolescenza della Regione Emilia-Romagna).

Allo sportello questi ragazzi possono trovare informazioni sulla ricerca di casa e lavoro o sui servizi del territorio, ma anche aiuto a risolvere problemi pratici, come l’apertura di un conto corrente bancario o il rinnovo dei documenti. “Ma proponiamo anche attività laboratoriali, ad esempio per imparare a usare Internet nella ricerca di lavoro, o ludico-culturali” – racconta Zullo.

Lo sportello ”Link” si trova presso il Centro Giovani Quake di Ravenna (via Eraclea, 25). L’inaugurazione si terrà il 22 gennaio alle 10.30, in seguito il servizio sarà attivo tutti i giovedì dalle 10.30 alle 12.30.

(www.redattoresociale.it)

About Author

redazione

redazione

La rete MIER è un network, che raccoglie le testate, i siti web, le iniziative radiofoniche e televisive di comunicazione, realizzate da cittadini di origine straniera o gruppi misti nella Regione Emilia Romagna. L’ obiettivo della rete MIER è la promozione de la comunicazione interculturale come strumento di crescita civile per lo sviluppo di una società inclusiva. Forte della sua rete di collaboratori ed esperti diffusa al livello territoriale, la rete MIER opera nel settore della comunicazione, dell’ editoria e dell’ organizzazione di eventi tutti a valore aggiunto per le istituzioni, imprese ed associazioni.

Related Articles

0 Comments

No Comments Yet!

There are no comments at the moment, do you want to add one?

Write a comment

Write a Comment

Spazio pubblicitario

Categorie

Twitter