rete Mier

News

 Breaking News
  • No posts were found

2015 anno chiave per l’immigrazione: parola di Unione Europea

2015 anno chiave per l’immigrazione: parola di Unione Europea
gennaio 01
14:01 2015

Una nuova agenda sull’immigrazione rappresenta una priorità per la Commissione Europea, da realizzare entro il 2015. Nel programma di lavoro del prossimo anno dell’esecutivo di Bruxelles, presentato a metà dicembre a Strasburgo dal presidente Jean-Claude Juncker e dal primo vice presidente Frans Timmermans, si parla esplicitamente di un’iniziativa che preveda “lo sviluppo di un nuovo approccio all’immigrazione legale che renda l’Unione Europea una destinazione attraente per i talenti e per persone qualificate”.

Secondo il programma di lavoro 2015 i pilastri per migliorare la gestione dell’immigrazione verso l’Ue saranno tre: “Una maggiore cooperazione coi paesi terzi, più solidarietà e condivisione di responsabilità fra gli stati membri e una più efficace lotta alla tratta di esseri umani”.

Come si può ben intuire, la vera novità del documento di oggi dal punto di vista delle politiche riguardanti l’immigrazione non sono tanto i contenuti (di cui si sente parlare da diverso tempo), quanto il fatto che la Commissione si dia come termine un anno per fare passi avanti significativi e misurabili nell’approccio dell’Unione Europea alla gestione dei flussi migratori.

Fra le 23 iniziative che l’esecutivo Juncker ha programmato per il 2015, oltre all’agenda sull”immigrazione, c’è anche un rinnovato impegno sull’occupazione giovanile (con particolare enfasi sulla valutazione dell’impatto dello Schema Garanzia Giovani e sull’elaborazione di nuove misure per incentivare l’impiego di ragazzi e ragazze sotto i trent’anni), il completamento del processo di firma e di ratifica da parte dell’UE come entità sè stante della Convenzione ONU sui Diritti dell’Uomo (che è stata ratificata dai singoli paesi ma non dall’Unione Europea in quanto tale), e la revisione della strategia Europa 2020 anche per quanto concerne gli obiettivi legati alla lotta alla povertà e all’esclusione sociale.

Oltre alle iniziative prioritarie, però, la Commissione ha individuato anche ottanta proposte di legge da ritirare perchè giunte in una situazione di stallo o diventate obsolete (fra queste le più controverse sono state quelle sul ciclo dei rifiuti e quella sulla qualità dell’aria), e diverse bozze di direttive e regolamenti da rivalutare.

In particolare, a far parlare parecchio è la direttiva sulla maternità, che cercava di introdurre standard minimi in materia validi per tutta Europa. Proposta dalla Commissione nel 2009, è rimasta bloccata dagli stati membri in Consiglio per una serie di veti trasversali da diversi paesi.

Dopo i tragici eventi degli ultimi anni e le numerose vittime di politiche migratorie non proprio riuscite, e lo scarso impegno dell’UE in materia, la Commissione ha finalmente deciso di fare un passo avanti, si dovrà però aspettare dodici mesi per tirare le somme di questo coinvolgimento.

(www.redattoresociale.it)

About Author

redazione

redazione

La rete MIER è un network, che raccoglie le testate, i siti web, le iniziative radiofoniche e televisive di comunicazione, realizzate da cittadini di origine straniera o gruppi misti nella Regione Emilia Romagna. L’ obiettivo della rete MIER è la promozione de la comunicazione interculturale come strumento di crescita civile per lo sviluppo di una società inclusiva. Forte della sua rete di collaboratori ed esperti diffusa al livello territoriale, la rete MIER opera nel settore della comunicazione, dell’ editoria e dell’ organizzazione di eventi tutti a valore aggiunto per le istituzioni, imprese ed associazioni.

Related Articles

0 Comments

No Comments Yet!

There are no comments at the moment, do you want to add one?

Write a comment

Write a Comment

Spazio pubblicitario

Categorie

Twitter