rete Mier

News

 Breaking News
  • No posts were found

10 proposte contro il terrorismo

10 proposte contro il terrorismo
gennaio 22
10:31 2015

Si chiama “Not in my name” il manifesto di proposte redatto dalla Comunità del mondo arabo in Italia (Co-mai, che raggruppa il maggior numero di comunità arabe presenti sul territorio italiano) in collaborazione con le comunità arabe e musulmane in Italia ed il movimento Uniti per Unire.

Dopo i fatti di Parigi il network, nato nel 2008 dall’esperienza dell’Associazione medici stranieri in Italia (Amsi) e oggi impegnato per promuovere il rispetto interreligioso, ha illustrato in un incontro ospitato nella sede della Fnsi (Federazione nazionale della stampa italiana) a Roma le proprie proposte per il futuro. Con tre parole d’ordine: condanna, solidarietà e rispetto.

La Co-mai, che ha aderito nell’immediato alla marcia di Parigi contro il terrorismo, esprime anzitutto, nel suo documento a dieci punti, un “no al terrorismo e alla violenza, con fermezza e senza ambiguità”. C’è il “si alla libertà religiosa, alla convivenza pacifica, alla conoscenza, al dialogo interreligioso ed interculturale fra i popoli e alla libertà di espressione”. Contestualmente, viene espresso anche un “no alla libertà di insultare e provocare, a qualsiasi strumentalizzazione dell’islam, del terrorismo e dell’immigrazione per fini politici, elettorali o visibilità mediatica”.

Più nel concreto viene manifestato il favore all’istituzione di un albo degli imam italiani “perchè la loro preghiera sia eseguita anche in lingua italiana”. Spiega Foad Aodi, presidente nazionale del Co-mai: “Diciamo no alle moschee fai-da-te. In generale, chiediamo una legge italiana ed europea per il controllo dell’immigrazione basata sui principi diritti – doveri, con una visione positiva verso l’immigrazione programmata, alle politiche d’accoglienza ed alla concessione della cittadinanza temperata. Nei rapporti con i nostri paesi di origine va favorita una maggiore e vera cooperazione mediante gli accordi bilaterali per combattere l”immigrazione irregolare”.

Infine, viene ribadito il “no all’abbinamento fra islam e terrorismo e a quello fra immigrazione e sicurezza, senza mai abbassare la guardia e continuando a combattere tutte le forme di propaganda del terrorismo; questo perché – continua Aodi – abbiamo ricevuto segnalazioni da Venezia, da Messina, da Civitavecchia, da Belluno, da Verona e da moltissime zone: in tutta Italia stanno aumentando le discriminazioni verso i musulmani e gli arabi, sta aumentando la fobia nei confronti dei nostri figli che vanno a scuola, l’onda lunga dei fatti di Parigi si sta riversando nella vita quotidiana di molte persone arabe e musulmane presenti nel nostro paese”.

(www.redattoresociale.it)

About Author

redazione

redazione

La rete MIER è un network, che raccoglie le testate, i siti web, le iniziative radiofoniche e televisive di comunicazione, realizzate da cittadini di origine straniera o gruppi misti nella Regione Emilia Romagna. L’ obiettivo della rete MIER è la promozione de la comunicazione interculturale come strumento di crescita civile per lo sviluppo di una società inclusiva. Forte della sua rete di collaboratori ed esperti diffusa al livello territoriale, la rete MIER opera nel settore della comunicazione, dell’ editoria e dell’ organizzazione di eventi tutti a valore aggiunto per le istituzioni, imprese ed associazioni.

Related Articles

0 Comments

No Comments Yet!

There are no comments at the moment, do you want to add one?

Write a comment

Write a Comment

Spazio pubblicitario

Categorie

Twitter