rete Mier

News

 Breaking News
  • No posts were found

Bologna capitale dell’accoglienza

Bologna capitale dell’accoglienza
dicembre 04
07:03 2014

Al 31 dicembre 2013 sono 4.198 i permessi per asilo, protezione sussidiaria, motivi umanitari, Regolamento Dublino e richiesta di asilo registrati nelle 9 Questure dell’Emilia-Romagna. Un dato in calo rispetto al 2012 di circa il 6% (278 unità): è la prima volta che accade dopo 6 anni consecutivi di crescita, anche se il dato complessivo è ancora più che doppio rispetto al 2006.

Questi sono i dati che risultano dal Monitoraggio 2014 di Emilia-Romagna Terra d’asilo, in cui si ricorda che la presenza di popolazione rifugiata in regione deve essere considerata senza dubbio superiore, in quanto è noto che diverse persone, pur vivendo sul territorio regionale, hanno permessi di soggiorno rilasciati da Questure di altre regioni, o sono in attesa che la Questura competente rilasci loro un permesso di soggiorno.

Gli stranieri accolti nelle strutture temporanee della regione al 21 novembre di quest’anno sono 2.458. Bologna è la città che ne accoglie di più (601), segue Modena con 294, Ravenna con 237, Piacenza con 236, Reggio Emilia 241, Forlì-Cesena 221, Parma 220, Rimini 219 e Ferrara 189. Un quadro più attuale delle presenza in Emilia-Romagna si ottiene sommando il dato a fine 2013 delle Questure con quello relativo alle persone arrivate nel corso del 2014.

Il numero di posti finanziati all’interno dei progetti del Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati dell’Emilia-Romagna (Sprar) è salito a 484 nel 2013 (+87). Un aumento che rientra in un generale allargamento del sistema a livello nazionale tra il 2012 e il 2013 e culminato a inizio 2014 con l’appovazione della nuova graduatoria dei progetti per il triennio 2014-2016 che ha portato la capacità totale del sistema a 19 mila posti.

Rispetto alla tipologia dei permessi di soggiorno posseduti dai beneficiari al momento dell’ingresso nei progetti Sprar si conferma il dato del 2012: il 29% è richiedente asilo, mentre i restanti sono già in possesso di una protezione. La Somalia è il Paese più rappresentanto all’interno dei progetti della regione, seguita da Pakistan, Afghanistan e Nigeria.

Bologna, si conferma quindi per l’ennesima volta la città dell’accoglienza e del welfare, in un periodo storico in cui questo non è affatto scontato.

Per i dati completi:
http://www.regione.emilia-romagna.it/

About Author

redazione

redazione

La rete MIER è un network, che raccoglie le testate, i siti web, le iniziative radiofoniche e televisive di comunicazione, realizzate da cittadini di origine straniera o gruppi misti nella Regione Emilia Romagna. L’ obiettivo della rete MIER è la promozione de la comunicazione interculturale come strumento di crescita civile per lo sviluppo di una società inclusiva. Forte della sua rete di collaboratori ed esperti diffusa al livello territoriale, la rete MIER opera nel settore della comunicazione, dell’ editoria e dell’ organizzazione di eventi tutti a valore aggiunto per le istituzioni, imprese ed associazioni.

Related Articles

0 Comments

No Comments Yet!

There are no comments at the moment, do you want to add one?

Write a comment

Write a Comment

Spazio pubblicitario

Categorie

Twitter