rete Mier

News

 Breaking News
  • No posts were found

Approvato il nuovo piano per l’integrazione regionale

Approvato il nuovo piano per l’integrazione regionale
aprile 03
03:29 2014

Questo mercoledì 02 aprile, è stato approvato dall’Assemblea Legislativa regionale il Programma triennale 2014-2016 per l’integrazione sociale dei cittadini stranieri. Il piano strategico, presentato dall’Assessore alla Promozione delle Politiche Sociali Teresa Marzocchi, prevede di lavorare su quattro obiettivi strategici, inclusione, equità e diritti, cittadinanza e antidiscriminazione, da attuare attraverso tre azioni prioritarie: l’apprendimento alla lingua italiana, la mediazione e la formazione culturale, l’informazione e la conoscenza diffusa dei diritti e dei doveri. La discussione sul documento ha occupato gran parte dei lavori pomeridiani dell’Assemblea, con un dibattito in aula che ha visto coinvolte quasi tutte le parti politiche.

Infatti, dopo un intervento iniziale del consigliere PD Antonio Mumolo che ha lavorato in Commissione per preparare il Programma e quindi ha parlato a favore del piano, soprattutto per il coinvolgimento del terzo settore, sono intervenuti in rapida successione diversi esponenti del centro destra tra cui i consiglieri Bernardini e Cavalli di Lega Nord, Pollastri, Vecchi, Leoni e Villani di Forza Italia. Tutti hanno argomentato a sfavore del documento, insistendo in particolare sull’aspetto dei costi di tali azioni in un momento storico di crisi economica e occupazionale. Da rilevare però che qualche aspetto ha riscosso comunque l’approvazione dell’opposizione, in particolare l’attenzione verso donne immigrate e giovani di seconda generazione.

Un tema certo controverso, ma incontrovertibilmente importante per una regione che ha uno dei tassi più alti di immigrazione, con una popolazione immigrata stanziata ormai stabilmente sul territorio da anni e parte integrante della collettività locale, anche attraverso un associazionismo attivo e vivace.
Ed erano tanti difatti i rappresentanti di associazioni e media interculturali presenti alla discussione in Assemblea, a dimostrazione che questa votazione segna un passaggio importante nel percorso che la Regione ha intrapreso esattamente dieci anni fa sul tema dell’immigrazione. La scelta di utilizzare il termine “integrazione” in questo nuovo documento significa anche che l’approccio è cambiato, come ha sottolineato l’Assessore; non è più tempo di soluzioni emergenziali in risposta a un problema, ma di far crescere una società effettivamente interculturale, anche attraverso l’uso di un linguaggio diverso.

Il programma approvato dall’assemblea legislativa: la scheda

About Author

Ilaria Avoni

Ilaria Avoni

Related Articles

0 Comments

No Comments Yet!

There are no comments at the moment, do you want to add one?

Write a comment

Write a Comment

Spazio pubblicitario

Categorie

Twitter